Laboratorio di cinema giovani/anziani

  • vlcsnap-2016-03-21-11h05m12s910
  • vlcsnap-2016-03-21-11h05m24s879
  • vlcsnap-2016-03-21-11h05m36s575
  • vlcsnap-2016-03-21-11h06m53s430
  • vlcsnap-2016-03-21-11h07m09s380
  • vlcsnap-2016-03-21-11h07m59s826
  • vlcsnap-2016-03-21-11h09m47s985
  • vlcsnap-2016-03-21-11h10m23s969
  • vlcsnap-2016-03-21-11h10m50s361
  • vlcsnap-2016-03-21-11h11m12s240
  • vlcsnap-2016-03-21-11h12m02s615
  • vlcsnap-2016-03-21-11h12m12s603
  • vlcsnap-2016-03-21-11h12m27s426
  • vlcsnap-2016-03-21-11h13m10s869
  • vlcsnap-2016-03-21-11h13m31s300
  • vlcsnap-2016-03-21-11h14m09s910
  • vlcsnap-2016-03-21-11h14m24s689
  • vlcsnap-2016-03-21-11h14m55s407
  • vlcsnap-2016-03-21-11h15m18s396
  • vlcsnap-2016-03-21-11h15m25s953
  • vlcsnap-2016-03-21-11h15m38s270
  • vlcsnap-2016-03-21-11h16m21s309
  • vlcsnap-2016-03-21-11h16m54s995
  • vlcsnap-2016-03-21-11h17m06s822

16 Mar Laboratorio di cinema giovani/anziani

 pontiaponte2

Progetto “A bridge between generations”

Tra giovani e anziani c’è sempre stata una difficoltà di comunicazione. Si sono sicuramente modificate le condizioni sociali che hanno ancor più allontanato queste due fasce d’età, il cambiamento avvenuto nello spazio domestico e famigliare, nell’ambito lavorativo, ma ora il salto generazionale si è inserito in un salto epocale che rende difficile agli anziani la stessa percezione del mondo delle nuove generazioni e viceversa. E proprio questo salto epocale ha trasformato radicalmente, con la composizione sociale, il ruolo e la stessa figura dell’anziano, mutandone persino la propria autopercezione. Il fatto che i giovani di oggi siano culturalmente lontani e differenti dai loro genitori più di quanto questi non lo fossero dai rispettivi nonni non è un problema di forme della comunicazione, ma di mutati rapporti sociali complessivi, di cambiamento di valori, di differente collocazione dei soggetti nel sistema produttivo. Partendo dai luoghi comuni che hanno da sempre accompagnato questa distanza, l’Associazione Corti a Ponte realizzerà un cortometraggio di finzione che cercherà di mettere a confronto queste due realtà.

Il progetto è iniziato con gli incontri programmati tra un gruppo di giovani di età compresa tra i 18 e i 27 anni, condotti da Alessandro Davanzo, sceneggiatore e regista, coadiuvato dalla psicologa Maria Davanzo.

Successivamente, e tuttora in corso, gli incontri vedono partecipi un piccolo gruppo di anziani compresi tra i 72 e 84 anni.

Il “raccontare” la propria visione delle rispettive realtà messe in gioco, giovani e anziani confermano come i succitati luoghi espressi in premessa siano ancora validi e possano essere ribaltati alla luce di un approfondimento maggiore, che richiede riflessione e conoscenza dei rispettivi ambiti d’età.

Il lavoro prosegue alacremente e vedrà queste due realtà confrontarsi “de visu” in alcuni incontri di prossima programmazione.

 

vlcsnap-2016-04-20-15h59m14s193 vlcsnap-2016-04-20-15h59m31s954 vlcsnap-2016-04-20-15h59m44s342 vlcsnap-2016-04-20-15h59m58s326 vlcsnap-2016-04-20-16h00m14s608 vlcsnap-2016-04-20-16h00m23s898 vlcsnap-2016-04-20-16h00m37s153 vlcsnap-2016-04-20-16h00m48s777 vlcsnap-2016-04-20-16h01m02s890 vlcsnap-2016-04-20-16h01m28s361 vlcsnap-2016-04-20-16h01m44s803 vlcsnap-2016-04-20-16h03m13s769 vlcsnap-2016-04-20-16h03m34s492 vlcsnap-2016-04-20-16h03m56s354 vlcsnap-2016-04-20-16h04m14s250 vlcsnap-2016-04-20-16h04m36s367 vlcsnap-2016-04-20-16h05m00s745

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.